Pensionati all’estero: dettagli burocratici [Parte 2]

 Pensionati all’estero e burocrazie.

vivere alle canarie in pensione

In questa seconda parte continueremo ad elencare ulteriori dettagli che vanno ad incidere quando una persona vuole andare a vivere in un Paese diverso dal suo. I pensionati all’estero o tutti coloro che intendono trasferirsi all’estero devono…

…riuscire a comprendere la burocrazia del Paese, in cui dovranno andare a vivere.

Pensione integrativa all’estero

Le pensioni integrative rappresentano quei sistemi pensionistici di vecchiaia, di reversibilità o di invalidità che servono poi ad essere sommate oppure sostituite alle pensioni statali obbligatorie. Però bisogna stare attenti nel caso in cui ci si trasferisca in un altro paese perchè gli enti potrebbero ingannarci, richiedendoci ad esempio di rimborsare gli sgravi fiscali che abbiamo ottenuto nella nostra pensione integrativa.

Assicurazione sanitaria

Prima di trasferirci andiamo a prendere maggiori informazioni dallo sportello nazionale che troviamo in ogni paese dell’Unione europea. Dobbiamo sapere che sia la previdenza sociale sia l’assicurazione sanitaria dipende esclusivamente dal Paese, in cui andremo a vivere. Per questa ragione se ci trasferiamo per lavoro sarà opportuno compilare il modulo S1 così da tutelare anche gli altri membri della famiglia ed avere quindi due tessere sanitarie per entrambi i paesi.

Assegni in caso di decesso

A seconda del paese che abbiamo scelto, si può essere inviato un’indennità di lutto al coniuge, ai figli oppure ad un altro familiare. Questo però accade solamente nel caso in cui la persona era iscritta presso il sistema previdenziale di tale paese; la richiesta deve essere effettuata presso l’ultimo paese in cui il defunto risiedeva.

Tasse

Purtroppo non si hanno informazioni riguardo a come la normativa europea vada a tassare il reddito di una persona facente parte dell’UE. Infatti esistono delle leggi nazionali e dei trattati fiscali tra i vari Paesi che però non tutelano in tutto e per tutto. Nonostante questo però ci sono delle regole base da rispettare, se si è risieduto un determinato periodo di tempo all’interno di un Paese UE: l’imposta sul reddito e la doppia imposizione.

Imposte sul reddito in Spagna

Abitare in via permanente alle Canarie, si dovrà pagare l’imposta sul reddito se trascorriamo in quel posto per circa 183 gg entro un anno. Nel caso in cui non dovessimo risiedere per quei giorni, dovremo pagare le tasse solo per il reddito percepito in Spagna.

Quanto si paga?

In sostanza l’aliquota aumenta o diminuisce in base a quanto si guadagna. Per questo motivo sappiamo che l’imposta varia e nel 2015 ci sarannio ulteriori agevolazioni 8 in media si pagherá un 12,5% in meno dell’anno precedente  senza tener conto di sgravi fiscali ed eventuali detrazioni.Tutto quello che si deve fare per pagare sarà avere un NIE e di conseguenza informare l’amministrazione fiscale, se siamo soliti a spostare la residenza a causa del lavoro o pensione.

Doppia imposizione

Può capitare di dover pagare le tasse sia nel Paese in cui si risiede che in quello da cui veniamo. Ritorniamo a parlare degli accordi fiscali bilaterali: le tasse devono essere pagate nel paese in cui risediamo  e da queste dobbiamo dedurre da quelle che paghiamo nel paese in cui permaniamo meno di 183 gg. In alcuni casi dobbiamo pagare le tasse solamente nel paese in cui lavoriamo / viviamo  perchè in quello di residenza siamo esenti.

Come abbiamo avuto modo di vedere trasferirsi alle Canarie o in un qualunque altro posto non risulta essere difficile, ma comporta dover conoscere le burocrazie del Paese in cui si va a vivere al fine di non passare delle disavventure con la legge. Ed ora tutti i pensionati all’estero e tutti quelli che vogliono cambiare vita potranno avere una visione più chiara di quel che troveranno se vorranno trasferirsi.

Marco Misto Staff Trasferirsi alle Canarie

– Pensionati all’estero –

24 pensieri su “Pensionati all’estero: dettagli burocratici [Parte 2]

  1. Salve marco, io vorrei venire per 15 giorni per vedere com’e’ e come si vive ma non conosco nessuno non so dove andare. Tu puoi indirizzarmi un appartamento anche un monolocale per due persone , ti sarei molto grato e poi vorrei anche conoscerti perche’o sentito parlare molto bene di te , io gia’ti o schritto qulche giorno fa’. Santi la fauci , se mi fai sapere il tempo di organizzarmi e sono da te grazie santi la fauci a presto ciao

    • Ciao Ottima scelta quella di fare un viaggio alle canarie per capire come vivere alle canarie coi propri occhi:-) Quando arrivi vieni a trovarmi che ci stringiamo la mano d persona:-)
      A presto Msrco Misto e lo staff di trasferirsi alle canarie .info

  2. ciao marco siete ancora li trovami un posticino anche x me qui sempre piu uno schifo se ti va mandami un amail cosi ti racconto salutami amalia tutto bene ?? un beso a ti y amalia sempre emilio ps para idioma no tengo problema hihihihi aspetto una tua amail ciao emi

  3. Ciao Marco.
    Ci siamo già sentiti altre volte ed ho anche aquistato il libretto. Ora sono già quì a tenerife e stò cercando di inserirmi passando per la complessità delle fiscalità locali. Ho varie perplessità e non trovo persone adatte ad aiutarmi. puoi tu indicarmi a chi posso rivolgermi quì a tenerife sud? Te ne sarei molto grato. Appena posso verrò a Gran Canaria e magari ci incontreremo. lasciami il tuo numero tel. canario.
    Grazie e a presto. Lorenzo.

    • Ciao qui trovi i miei contatti https://www.trasferirsiallecanarie.info/trasferimento-alle-canarie-contattaci/
      Il metodo preferito per il contatto e’ il telefono almeno e’ diretto e facciamo in fretta e ti spiego quello che ti serve per vivere alle canarie

      Leggi comunque le info alla pagina contattaci.
      Ciao A presto
      Marco misto e lo staff di trasferirsi alle canarie .info

  4. ciao marco siamo una coppia ,e vorremmo trasferirci alle canarie per aprire un ristorante o bar.se ti fosse possibile contattarmi per ulteriori info.ti ringrazio anticipatamente .barbara

    • Ciao qui trovi i miei contatti https://www.trasferirsiallecanarie.info/trasferimento-alle-canarie-contattaci/
      Il metodo preferito per il contatto e’ il telefono almeno e’ diretto e facciamo in fretta e ti spiego quello che ti serve. 

      Leggi comunque le info alla pagina contattaci.
      Ciao A presto

  5. Buon giorno,sono un pensionato di 63 anni coniugato, avendo intensione di trasferirni alle Canarie,non ho idea di quale isola scegliere,quale potrebbe andar bene alla nostra età.Con mia moglie abbiamo una discreta pensione e voremmo affittare una casa ,magari cercare un ‘attivita autonoma per mio figlio,a dimenticavoverebbe anche lui con la sua compagna. Sa darmi dei consigli,e nel caso mi posso rivolgere a lei.
    La ringrazio anticipatamente

    • Salve Andrea certo puó rivolgersi a me:-) qui trovi i miei contatti https://www.trasferirsiallecanarie.info/trasferimento-alle-canarie-contattaci/
      Il metodo preferito per il contatto e’ il telefono almeno e’ diretto e facciamo in fretta e ti spiego quello che ti serve. 

      Leggi comunque le info alla pagina contattaci.
      Ciao A presto

  6. Mi sono chiesta come facciano gli uffici fiscali nell’ambito della UE a verificare esattamente i 183 gg, visto che i citttadini europei possono circolare con la carta d’identità. Alle Canarie come fanno?

  7. Carissimo Marco
    Da un po’ di tempo sto valutando la possibilità di trasferirmi con residenza alle Canarie per molteplici motivazioni:
    Il clima, il costo della vita, la sicurezza sociale e non ultimo il regime fiscale.

    Dopo oltre 40 anni di lavoro come libero professionista e come quadro direttivo (sono ingegnere), quasi alla fine della mia carriera lavorativa, sono incappato nella terribile crisi del settore dell’edilizia e delle costruzioni ed inoltre l’impresa per cui lavoravo è fallita ed attualmente mi trovo in mobilità e nonostante il mio corposo curriculum sta risultando impossibile trovare un altro lavoro.

    Dalla fine del prossimo anno 2015 (cioè dal 1° gennaio 2016) sarò finalmente collocato in pensione di vecchiaia con una buona pensione lorda mensile attorno ai 3.800 €.

    Non ho ancora deciso se Tenerife o Gran Canaria (le Tue preferenze su Gran Canaria in parte le condivido);

    Sarebbe mia intenzione divertirsi e se c’è l’opportunità anche
    comprare, ristrutturare e vendere immobili ( che poi è stata la mia specializzazione).

    Comunque spero al più presto possibile di fare un sopralluogo sia a Tenerife che a Gran Canaria, per cui Ti contatterò sicuramente.

    Due domande con possibile risposta esplicativa:

    1) Mia moglie e mio figlio piccolo, saltuariamente verranno alle Canarie, ma resteranno residenti in Italia e sono sempre a mio carico, nella mia dichiarazione fiscale nelle Canarie sai se è previsto qualche genere di sgravio?

    2) Poiché dovrò acquistare una casa con il mutuo, anche per la fiscalità delle Canarie sono possibili degli sgravi come prima casa?.

    Grazie anticipate ed a presto
    Filippo Piraino

    • Ciao Filippo gli sgravi fiscali alle canarie sono notevoli e vari, tieni conto che e’ recente un articolo apparso sul giornale La provinvia che la maggior parte delel dichiarazioni irpef sono negative ( ovvero ti ritornano soldi) . Non so se sará il tuo caseo ( immagino no visto l’elevato importo della pensione alle canarie che percepirai) ma questo e’ un indice del fatto che di tasse alle canarie se ne pagano il giusto 🙂
      A presto
      ciao
      marco misto staff Trasferirsi alle Canarie

  8. Marco ciao,,sono un pensionato di 66 anni coniugato, io e mia moglie stiamo valutando di trasferirci alle Canarie, non ho idea di quale isola scegliere,quale potrebbe andar bene alla nostra età. Io e mia moglie abbiamo una buona pensione e vorremmo affittare una casa. Sai darmi dei consigli, e nel caso mi posso rivolgere a te.
    Ti ringrazio anticipatamente Giovanni

  9. Cia Marco io vivo alle Canarie ormai da 10 mesi.in Italia percepisco la pensione i reversibilità, come faccio a portarla qui.? Grazie,,

    • Ciao Marika se sei qui da 10 mesi dovresti giá averla portata o hai preso la residenza in altra maniera? Abbiamo dei contatti in italia di persone che si occupano anche di questo.
      La reversibilitá sulle pensioni e’ prevista ovviamente dovrai dimostrare l’esistenza in vita ogni anno.
      Approfitto per fare una panoramica sul discorso pensioni sia per inps che inpdap che reversibilitá che invaliditá pensioni contributive e non etc…

      La defiscalizzazione NON spetta alle pensioni INPDAP o ex INPDAP. Quindi se rientri nelle categorie di cui sopra riceverai la pensione alla stessa maniere di come la ricevi in Italia. Per
      quanto riguarda le pensioni non contributive
      non possono essere riconosciute dallo Stato italiano, a coloro i quali abbiano deciso di risiedere all’estero.

      Nello specifico, segnalo che le prestazioni “non contributive” sono definite dalla legislazione comunitaria come complementari o supplementari o aggiuntive di una prestazione principale con lo scopo di garantire un reddito minimo di sussistenza.
      Tali prestazioni, infatti, spettano in misura intera a carico dello Stato di residenza e secondo la legislazione che tale Stato applica.

      Inoltre, è opportuno evidenziare che a decorrere dal 1 giugno 2005, non hanno diritto alle maggiorazioni sociali di cui alla legge n.544 del 29 dicembre 1988 coloro i quali risiedono in uno Stato membro dell’Unione europea diverso dall’Italia.
      Tale disposizione comunitaria, quindi, ha allargato l’ambito di applicazione delle prestazioni di carattere “non contributivo” inserendo oltre quelle già indicate dalla legge anche le maggiorazioni sociali.

      A titolo informativo ricordo che non possono essere esportate (non possono essere sostenute dallo Stato italiano per i residenti (all’estero) le seguenti prestazioni:
      prestazioni sociali
le pensioni, gli assegni e le indennità ai mutuati ed invalidi civili
le pensioni e le indennità ai sordomuti ed ai cechi
l’integrazione della pensione minima
l’integrazione dell’assegno di invalidità
l’assegno sociale
la maggiorazione sociale

      La legislazione comunitaria garantisce, in ogni caso, a coloro che sono residenti sul territorio di uno Stato membro diverso dall’Italia e sono soggetti alla regolamentazione comunitaria di sicurezza sociale, il diritto, secondo quanto confermato dal regolamento CE 647/05, alle prestazioni non contributive a carico dello Stato di residenza.

      Il diritto e la misura delle prestazioni sono determinati unicamente dalla legislazione che questo Stato applica Per effetto di tale disposizione i residenti in Stati comunitari (SPAGNA) possono richiedere l’integrazione della pensione con le prestazioni speciali che ogni Stato membro di residenza può garantire.

  10. ciao Marco.
    Non mi è chiara una cosa. Se io vengo a vivere definitivamente alle Canarie in qualità di pensionata (con l’intenzione quindi di ottenre la residenza il prima possibile), cosa succede con la tassazione della mia pensione? Dovrei pagare la doppia imposizione fiscale quando? per quanto tempo? Mi puoi gentilmente speigare bene l’iter?

    • Ciao se la tua pension e’ inpdap paghi solo in italia , s ela tua pension e’ inps e decidi di defiscalizzarla paghi solo in canaria ma ci sar´aun period di sovrapposizione finche sarai residente qui e fino a quando non ti sganci dall’italia: in quel periodo l’anno successivo ) dovrai fare la dichiarazione anche in spagna e versare il “730/740” ( declaración de la renta) anche qui poi chiederai il rimborso per aver versato anche in italia.
      Ciao
      marco misto e lo staff di trasferirsi alle canarie .info

  11. Ciao Marco,
    vorrei trasferirmi anche io a breve alle Canarie, ma avrei un paio di domande da farti.
    Percepisco una pensione inps di circa 1300 euro netti, ho una casa (la mia abitazione di residenza) che lascerei chiusa in Italia pagando la tasi ridotta e la tari ridotta come credo di aver capito in base alla recente legge sui residenti all’estero ( basta risiedere 183 giorni lì se ho capito bene per essere residenti, giusto ?) possiedo anche il 50% di una piccola casetta al mare che ovviamente pago già in Italia come seconda casa.
    La prima domanda è : oltre alle tasse , seppur ridotte, che continuerei a pagare in Italia sulla mia prima casa e quelle sulla mia parte di seconda casa, non producendo questi immobili alcun reddito ma solo spese, dovrei comunque dichiarare queste proprietà e pagare altre tasse sul loro valore anche in Spagna come mi ha detto qualcuno?
    La seconda domanda è banale ma te la faccio lo stesso : il mio lordo è 1950 euro!
    Tra irpef, contributi regionali, contributi comunali e ammennicoli vari percepisco circa 600 euro di meno.
    Trasferendomi in Canaria e avendo solo questo unico provento, sia in Italia che ovviamente lì, che vantaggio economico riuscirei ad avere sulla mia pensione?
    Grazie mille in anticipo per la tua risposta e sinceri complimenti per questo tuo stupendo sito
    Mauro

    • Ciao, per quanto riguarda il calcolo della pensione alle Canarie Lorda / netta, ho scritto un articolo che puoi trovare qui : https://www.trasferirsiallecanarie.info/?s=irpef&submit=Cerca . Il succo del discorso e’ che la pensione senza tasse alle Canarie la puoi avere e poi pagare le tasse locali che saranno sicuramente inferiori a quelle italiane, ovvero vai a metterti in una condizione vantaggiosa. Non e’ possibile calcolare esattamente l’importo che riceverai a meno di far effettuare una simulazione a una commercialista e anche in quel caso e’ difficile tenere conto delle tante agevolazioni che potrai avere.

      Calcola comunque che rispetto al netto italiano potrai percepire un 7 – 15% in piú anche se i vantaggi che otterrai a livello fisico salutistico e di qualità di vita saranno ben superiori per il fatto che vieni a vivere alle Canarie.

      Leggi l’articolo che ti ho proposto nel link sopra https://www.trasferirsiallecanarie.info/?s=irpef&submit=Cerca

      Per farti un esempio e’ stato calcolata la pensione alle Canarie di un pensionato che ha 54000 euro lordi in Italia ( 2800 euro netti al mese, ed e’ risultato che prenderà qui circa 3070 euro al mese ) ovviamente più l’importo della pensione sale e più le tasse si assomigliano tra Italia e Canarie quindi il beneficio si riduce ma rimane comunque presente.

      per quanto riguarda la residenza e’ corretto devi permanere 6 mesi e 1 giorno alle canarie ( leggi qui pe rla residenza: https://www.trasferirsiallecanarie.info/?s=residenza&submit=Cerca
      Per le imposte sulla casa una volta residente alle canarie pagherai le tasse solo alle canarie eccetto le tasse comunali sulla stessa in quanto si trova in territorio italiano.

      Se parliamo a voce in pochi minuti ti faccio capire molto di piú di quanto non potremmo fare in varie mail, tra botta e risposte varie passerebbero diversi giorni. Ti lascio i riferimenti per contattarmi
      https://www.trasferirsiallecanarie.info/trasferimento-alle-canarie-contattaci/. Dacci un occhio Ora perché non posso rispondere a ogni orario 🙂
      ciao
      Marco misto Trasferirsi alle canarie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *